NAF

FOSTRA

L’ACS APPROVA LA NUOVA IMPOSTAZIONE DEL FINANZIAMENTO DELLE STRADE (FOSTRA)

L’ACS accoglie con soddisfazione il SÌ delle due Camere federali al Fondo per le strade nazionali e il traffico d’agglomerato (FOSTRA). In particolare l’ACS approva la creazione di una soluzione tramite un fondo a tempo indeterminato anche per la strada attraverso la nuova impostazione del finanziamento. Decisamente più critico è il giudizio del Club sul fatto che anche con il progetto FOSTRA taluni mezzi occorrenti alla strada vengano destinati ad altri fini e sull’aumento del supplemento fiscale sugli oli minerali. L’ACS auspica che le parole siano presto seguite dai fatti e che vengano attuate le urgenti misure di potenziamento.

Thomas Hurter
signum_th

CN Thomas Hurter
Presidente centrale Automobile Club Svizzero

L’Automobile Club Svizzero (ACS) ha preso atto con soddisfazione che le due Camere del Parlamento hanno trovato un’intesa riguardo al finanziamento esteso del progetto FOSTRA. Anche se la formulazione secondo cui in futuro «di norma» dovrebbe essere destinato al Fondo FOSTRA il 10 per cento in più dei proventi dell’imposta sugli oli minerali mantiene scappatoie per prelievi motivati con argomentazioni di politica finanziaria o d’avversità alla strada, è stato nondimeno possibile raggiungere un miglioramento rispetto allo status quo.

Ora, a divergenze appianate, l’ACS sostiene nella sostanza il progetto FOSTRA, sul quale il popolo e i Cantoni saranno chiamati ad esprimersi l’anno venturo. In particolare, apprezza il fatto che finalmente anche la strada sarà dotata di un fondo permanente. La proposta comporta numerosi progressi nelle condizioni quadro giuridiche per la futura impostazione della politica dei trasporti.

Essa obbliga ad esempio la Confederazione e i Cantoni a provvedere a un’infrastruttura stradale confacente ai bisogni di tutte le regioni del Paese.

Di converso, l’ACS si aspetta ora che la Confederazione e i Cantoni procedano celermente a un’effettiva attuazione degli interventi di potenziamento. La realizzazione tempestiva delle misure di potenziamento è tanto più dovuta in quanto ancora una volta sono chiamati a pagare gli automobilisti. Infatti, il finanziamento del FOSTRA sarà assicurato non da ultimo mediante un aumento del supplemento fiscale sugli oli minerali da 30 a 34 centesimi al litro.

FOSTRA: Fondo per le strade nazionali e il traffico d’agglomerato

Per i trasporti ferroviari è già stato istituito un fondo per il finanziamento e l’ampliamento dell’infrastruttura ferroviaria (FAIF). Affinché anche le strade nazionali e i programmi d’agglomerato possano beneficiare di sufficienti finanziamenti, il Consiglio federale e il Parlamento hanno creato un apposito fondo. Il Fondo per le strade nazionali e il traffico d’agglomerato (FOSTRA) viene sancito nella Costituzione ed è a tempo indeterminato. In questo modo, strade e ferrovie hanno lo stesso trattamento giuridico. Il relativo decreto delle due Camere federali verrà votato nel febbraio 2017.

Il nuovo fondo sostituisce il fondo infrastrutturale ed è finalizzato al completamento della rete delle strade nazionali, all’eliminazione dei problemi di capacità e all’attuazione di programmi d’agglomerato. Grazie al FOSTRA, oltre al potenziamento delle strade nazionali, si provvede anche al loro esercizio e alla loro manutenzione. È quindi necessario disporre di sufficienti mezzi finanziari per evitare che il continuo incremento delle uscite e la riduzione delle entrate siano all’origine di un deficit di finanziamento.

Il FOSTRA dovrà quindi apportare più risorse al settore stradale: riceverà i proventi del contrassegno autostradale e il supplemento fiscale sugli oli minerali, destinati già oggi alle strade, ma quest’ultimo subirà un aumento moderato (da 30 a 34 ct./litro, pari a circa 200 milioni di CHF di maggiori entrate), connesso alle reali esigenze d’investimento.A ciò si aggiungeranno i proventi dell’imposta sugli autoveicoli per un ammontare di circa 375 milioni di CHF che oggi confluiscono invece nella cassa della Confederazione, e un nuovo 10 per cento dei proventi dell’imposta sugli oli minerali, ossia circa 250 milioni di CHF, di cui la metà è destinata all’attuazione del decreto sulla rete stradale.

Inoltre, dato che anche le automobili elettriche utilizzano l’infrastruttura stradale, dal 2020 dovranno anch’esse versare un forfait. Ciò permetterà di riequilibrare le finanze. Complessivamente saranno disponibili circa 3 miliardi di CHF all’anno per l’alimentazione del FOSTRA.

Il FOSTRA permette anche di creare delle riserve. Nel caso di mancato impiego dei fondi destinati a un progetto, rimandato per esempio a causa di condizioni meteorologiche avverse, sarà quindi possibile riportarli all’esercizio successivo. I piani concreti di potenziamento sono stati definiti dal Consiglio federale nel PROSTRA (Programma di sviluppo strategico strada). La prima fase fino al 2030 comprende progetti per 6,5 miliardi di CHF. Il PROSTRA sarà soggetto a verifica a scadenza quadriennale e, se del caso, adeguato alle nuove circostanze.

Autore: Markus Rutishauser

Le piace l'articolo?:

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.