strategia energetica 2050

Editoriale

CON L’ACS VERSO UNA NUOVA ERA DELLA MOBILITÀ!

Forte di un team motivato e dinamico, l’ACS è pronto ad affrontare con rinnovata energia le sfide che ne caratterizzano il mandato, a difesa di tutti gli utenti della strada. La mobilità svizzera, durante il 2016, ha vissuto importanti rivoluzioni. Al nostro Club, il compito di saperne cogliere il valore, rimanendo un punto di riferimento esclusivo in materia di politica dei trasporti e dedicando tutte le sue risorse per interpretare al meglio il futuro in questo settore.

Thomas Hurter
signum_th

CN Thomas Hurter
Presidente centrale Automobil Club Svizzero

Lo scorso mese di settembre sono stato eletto nuovo Presidente centrale dell’Automobile Club Svizzero. Uno dei compiti principali era quello di traghettare il club verso lidi più sereni, tornando a trattare i temi principali che interessano i nostri soci e restituendo all’ACS il suo ruolo di preminenza in difesa degli interessi delle automobiliste e degli automobilisti. Sul versante della politica dei trasporti, ci siamo impegnati in prima linea, e con successo, per sostenere la cosiddetta “Iniziativa della vacca da mungere”, per la realizzazione di una seconda galleria autostradale al Gottardo e per la creazione di un nuovo “Fondo per le strade nazionali e il traffico d’agglomerato” (FOSTRA).

FOSTRA

L’anno venturo saremo chiamati a votare sul nuovo fondo dedicato alle strade, istituito finalmente in analogia alla rotaia, e frutto d’un compromesso politico con cui anche la mobilità privata potrà convivere (malgrado si prospetti un moderato aumento del prezzo della benzina e determinati progetti d’agglomerato non saranno d’immediato vantaggio per il trasporto su gomma). Principalmente, il FOSTRA assicurerà un adeguato finanziamento per eliminare le strettoie nella rete delle strade nazionali e permetterà di ridurre, almeno in parte, gli intasamenti: il numero di ore d’attesa in coda è infatti ulteriormente lievitato, raggiungendo quota 25’000.

Strategia energetica 2050

L’ACS, inoltre, si occuperà approfonditamente della strategia energetica 2050, un progetto di sovvenzionamento e ridistribuzione che, a nostro parere, aumenterà la dipendenza dall’estero e influenzerà negativamente la nostra capacità innovativa. Nonostante taluni aspetti siano ragionevoli, promette più del dovuto e causerà costi per un ammontare di 200 miliardi di franchi. Pertanto, l’ACS sosterrà il referendum e contribuirà a sviluppare una strategia energetica più praticabile.

Siccome anche nel 2017, e negli anni a venire, l’esigenza di mobilità della nostra popolazione continuerà ad aumentare in quanto fattore essenziale per la vita di tutti i giorni, l’ACS s’impegnerà in prima linea per sostenere gli sviluppi tecnologici (e l’indipendenza di questo settore dallo Stato) che permetteranno di rendere gli spostamenti privati più sostenibili.

La passione per l’automobile continuerà ad animare buona parte degli svizzeri e noi ci adopereremo affinché essa possa essere coltivata in tutta serenità.

Lieto di poter affrontare assieme a voi la strada che ci conduce nel 2017, vi formulo i miei migliori auguri di felicità, salute e buon divertimento con l’automobile.

 

foto: pexels.com

Autore: Thomas Hurter

Le piace l'articolo?:

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.