ACS Automobil Club der Schweiz und Allianz Global Assistance

Allianz Global Assistance

Un inizio riuscito

Daniel Schaffner è Head Organisation Management & Procurement di Allianz Global Assistance e, in base alla mansione che ricopre, ha diretto l’intero processo d’implementazione e transizione con l’ACS. Assieme alla sua squadra di specialisti, coordinata con la nostra amministrazione centrale e le nostre sezioni, ha garantito che non vi fosse alcuna interruzione dei servizi per i soci dell’ACS. In realtà, è stato un passaggio complesso in cui erano coinvolti disparati attori. Abbiamo chiesto a Schaffner d’illustrarci cosa si è fatto, dietro le quinte, per essere pronti il giorno stabilito.

Daniel Schaffner Daniel Schaffner

Il 31 dicembre 2017, a mezzanotte, che cosa ha fatto?

A dire il vero, ho potuto festeggiare questo fantastico momento con gli amici, poiché non avevo dubbi sul perfetto debutto del partenariato. Tuttavia, non nascondo che il cellulare è sempre rimasto a portata di mano e le squadre impegnate nella transizione mi tenevano costantemente aggiornato sulle principali tappe dell’implementazione. Occorre considerare che si sono dovuti coordinare cronologicamente una moltitudine di elementi. Il nodo principale era la riuscita della commutazione telefonica. La tensione c’era tutta e volevo comunque essere pronto a intervenire immediatamente in caso di necessità. Fortunatamente, la solida preparazione e l’eccellente lavoro di squadra hanno scongiurato eventuali problemi.

Il 1° gennaio 2018, alle 00.01, è iniziato l’impegno di AGA come fornitore di servizi d’assistenza per l’ACS. Com’è andato il primo giorno?

Regnava grande soddisfazione per un avvio che, tutto sommato, si è rivelato un successo. Occorreva però rimanere concentrati, mantenendo la raggiungibilità durante la notte e riverificando i processi in mattinata. Tuttavia, abbiamo rapidamente capito che ogni ingranaggio funzionava alla perfezione. I dati erano inseriti nei sistemi, la nostra piattaforma operativa lavorava correttamente e il personale interessato era ben addestrato e motivato. Attraverso le relazioni amministrative, potevo seguire in tempo reale i numerosi casi ai quali, da subito, abbiamo fornito il nostro ottimo e collaudato servizio. Durante i primi due giorni sono già stati condotti, a buon fine, 100 interventi d’assistenza, di cui 17 all’estero.

Quali aspetti avete dovuto adattare, organizzare e coordinare per avere tutto pronto a fine dicembre?

Sapevo che questa implementazione avrebbe richiesto una squadra preparata e che avremmo dovuto far fruttare al meglio il tempo disponibile. Nella fase di progettazione ho potuto avvalermi, fin dall’inizio, dell’eccellente collaborazione con l’Amministrazione centrale dell’ACS. Quindi, abbiamo definito i sotto progetti e ripartito i temi in funzione dell’esperienza di ciascuno. Abbiamo puntato molto sul lavoro di squadra, su un costante coordinamento e sulla comunicazione aperta. A livello tecnico, abbiamo installato tutti i sistemi e approntato lo scambio di dati.
Una sfida importante è stata il reclutamento di nuovi colleghi che adempissero ai nostri requisiti e valori per la piattaforma operativa.
Per i sotto progetti abbiamo coinvolto tempestivamente i rappresentanti di diverse Sezioni dell’ACS. Questa collaborazione ci ha permesso di tenere adeguatamente conto, nell’attuazione delle idee, delle preoccupazioni e delle aspettative dei soci dell’ACS. Inoltre, grazie a quest’approccio, abbiamo tracciato la via per future innovazioni comuni. Mi compiaccio fin d’ora per le prossime tappe di quest’avvincente viaggio all’insegna di un forte partenariato tra l’ACS e Allianz Global Assistance.

Foto: mad

Autore: Markus Rutishauser

Le piace l'articolo?:

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.